LIQUIDAZIONE CIC : E’ TUTTO FERMO – PD INTERROGA IL SINDACO

wikicicIl Centro ittico torna ai cittadini” , “altro che decenni” , “vamos, vamos, ancora vamos” …

Ve li ricordate o no gli slogan da campagna elettorale e gli applausi da stadio nel consiglio comunale del 1° agosto quando la maggioranza decise di liquidare il CIC ( http://www.bacoli2punto0.it/approvata-la-liquidazione-del-cic-pd-ora-massima-vigilanza/ ) ?

Tutti, favorevoli e contrari, ritenevano che dopo una simile bolgia, l’Amministrazione avrebbe proceduto convinta e celere sulla strada che di fatto aveva imposto all’intero consesso civico.

Ebbene ad oggi è ancora tutto fermo .

cic 4Come hanno rilevato i consiglieri comunali PD , “nonostante la delibera consiliare disponga di provvedere nei tempi strettamente necessari” e nonostante il codice civile prescriva che “ gli amministratori devono senza indugio procedere agli adempimenti previsti ” a quasi due mesi di distanza “ non è stato ancora nominato il Commissario liquidatore , né sono stati definiti i poteri o i criteri per la liquidazione , né è stato comunicato alcunché all’ufficio delle imprese ” .

Forse il Sindaco è troppo occupato a farsi immortalare sugli spalti delle partite o sui palchi delle festicciole di fine stagione …

Eppure, continuano i consiglieri democratici, a fine agosto, l’Amministrazione ha deciso di trasferire gli uffici del CIC al municipio e di sfrattare gli attuali concessionari degli “ Stalloni ” ovvero “ ha seguitato ad ingerire in una società in liquidazione ” che è un soggetto terzo rispetto l’ente comunale .

Paradossalmente quindi da un lato si perpetuano interventi unilaterali ed illegittimi mentre dall’altro si stagna in una palude che crea solo confusione. Confusione aggravata dal fatto che l’Amministrazione ignora come affrontare le problematiche sul tappeto. I cittadini avranno voglia di aspettare perché, è bene ricordarlo, finché non sarà chiusa la liquidazione, il CIC continuerà ad esistere ed i suoi beni non saranno nella “diretta disponibilità” del Comune .

s. gennaroPer sbrogliare questa matassa che rischia di affossare un bene per il quale i bacolesi hanno sempre lottato , il PD ha presentato un’interrogazione con la quale chiede al Sindaco “ i motivi per i quali ancora non si sia provveduto alla liquidazione ” ed “ i criteri per la liquidazione e per il futuro uso dei beni ” .

E’ tempo di cominciare a lavorare sul serio e di calare il sipario sul palcoscenico, quel “teatrino della politica” in passato tanto criticato dal Sindaco ma di cui si dimostra un mirabile attore.

CORSO ALLENATORI PORTIERI : OTTIMA IDEA MA IL COMUNE RIMANE SENZA SOLDI

figc 1Diciamo solo .

Che Bacoli sia stata scelta dalla FIGC Campania come location dal 19 ottobre al 7 novembre per il corso di “ allenatori di portieri per dilettati settore giovanile ” dà lustro alla nostra città e che lo stesso Vincenzo Di Palma , ex preparatore dei portieri della Nazionale italiana, s’intrattenga con i suoi giovani compaesani, è cosa che valorizza tutto lo sport bacolese .

Le lezioni per gli allenatori si terranno nella Sala Ostrichina, sede pregiata di una società, il “ Centro ittico campano ” , messa in liquidazione ( http://www.bacoli2punto0.it/approvata-la-liquidazione-del-cic-pd-ora-massima-vigilanza/ ) e che non tornerà nella disponibilità del Comune prima che vengano estinti i suoi ben 1.800.000 euro di debiti.

Il corso non sarà gratuito bensì a pagamento : 328 euro a partecipate per un minimo di 25 ed un massimo di 40, più eventuali aggiunte. Quindi, tra gli oltre 8.000 e gli oltre 13.000 euro che andranno al settore tecnico della FIGC.

Quanti invece di questi soldi andranno al Comune di Bacoli o al CIC anche per un forfettario uso del complesso Vanvitelliano ?

Niente ! E meno male che il Comune ha aumentato le tariffe per matrimoni nella casina Vanvitelliana fino a cifre a tre zeri

figc 2Per carità, ci rendiamo conto che per l’immagine di Bacoli, un simile corso sia importante almeno quanto il pallone della Sibilla – precisiamo , Bacoli Sibilla 1925 – firmato e calciato dal sindaco, ma non è altrettanto importante per l’Amministrazione recuperare qualche risorsa ?

A pensarci bene più che importante sarebbe stato quantomai necessario date le note condizioni dell’erario comunale e gli obblighi del liquidatore di fare cassa .

COSTI DELLA POLITICA : PD PROPONE L’ABOLIZIONE DEI GETTONI DI PRESENZA

gettone presenza 1Stipendi per sindaco ed assessori, spese istituzionali, gettoni di presenza … A Bacoli la politica costa .

Lungi dal fare come l’attuale Amministrazione che conferma le più alte aliquote comunali ( http://www.bacoli2punto0.it/approvato-il-preventivo-2015-molti-numeri-e-niente-politica/ ) , facendo pagare il precedente malgoverno del centro-destra a famiglie ed imprenditori , per il PD va iniziata una seria riduzione della spesa pubblica, razionalizzando i servizi ed abbattendo anzitutto i costi della politica .

Una posizione lineare perché il PD è stata l’unica forza politica durante la precedente consiliatura, a rinunciare volontariamente ai propri gettoni di presenza ( http://www.bacoli2punto0.it/abbattere-i-costi-della-politica-il-pd-rinuncia-ai-gettoni-di-presenza-a-favore-delle-bonifiche-e-del-sociale/ ) .

gettone presenza 2E sempre i consiglieri democratici hanno presentato la scorsa settimana una proposta ( leggi qui https://www.facebook.com/notes/partito-democratico-bacoli/mozione-per-abbattere-dei-costi-della-politica/862007020586402 ) ancora più radicale che nel garantire un’equa e proporzionale rappresentanza a tutti i gruppi consiliari – un principio sacrosanto di democrazia – riforma al contempo il vigente regolamento prevedendo :

  • l’abolizione dei gettoni di presenza ;
  • la convocazione di Commissioni e Consigli in orari extra-lavorativi evitando così che il Comune debba rimborsare aziende i cui dipendenti sono consiglieri comunali ;
  • il dimezzamento delle Commissioni e la riduzione dei loro componenti .

Il compianto Stefano Alicante soleva dire che “ la politica è anzitutto servizio ”.

Il PD ha la coerenza di chiedere al nuovo Consiglio comunale che questo servizio sia gratuito.

Le altre forze politiche, di maggioranza e d’opposizione, che in altri tempi continuarono a percepire i loro emolumenti, aderiranno a questa proposta ?

PISTA DEL FUSARO : MOZIONE DEL PD PER VALORIZZARE IL BENE E CREARE LAVORO

DSCN2555Che ne sarà della pista ciclabile del Fusaro ?

Questa la domanda ricorrente di chi prima o poi teme che il percorso ciclo-pedonale intorno il lago Fusaro torni impraticabile , nonostante l’impareggiabile impegno di attivisti e volontari tutt’oggi presenti sulla pista .

A questa domanda prova a dare una risposta il PD che significativamente è stata l’unica forza politica a sostenere fin dall’inizio la lotta dei cittadini per l’apertura della pista e ne ha poi accompagnato le vicissitudini tra colpi di mano e false promesse della vecchia Amministrazione .

Forti di tale esperienza e delle iniziative promosse sul posto , i consiglieri democratici hanno presentato la scorsa settimana una mozione ( leggi qui https://www.facebook.com/notes/partito-democratico-bacoli/promozione-e-lavoro-mozione-pd-per-la-pista-ciclabile-del-fusaro/860807530706351 ) che tocca un po’ tutte le questioni ancora irrisolte, dai compiti delle istituzioni ( la manutenzione straordinaria al Comune, la vigilanza agli agenti municipali e del CIC ) alla chiusura di varchi e cancelli ( dalle h 23 alle h 6 ) .

Ma la proposta del PD mira a molto di più. Essa punta a valorizzare il bene :

  • Allestendo aree per il noleggio di bici e di pedalò ;
  • Destinando gli “Stalloni” ad infopoint con vendita di dépliant e gadget per i turisti ;
  • Esentando dagli oneri comunali e concedendo gratis acqua e luce a chi organizza eventi ;
  • Organizzando rievocazioni storiche , mostre , visite guidate intorno al lago .

2Con la sua proposta, infine, il PD vuole creare nuovi posti di lavoro affidando per tre anni i servizi e la manutenzione del percorso attraverso un bando pubblico che premi quelle imprese ed associazioni capaci di fare rete e di far lavorare il maggior numero di bacolesi .

Lungi dal fare un’opposizione sterile come talvolta insinua l’Amministrazione ed i suoi fans, il PD propone al Consiglio Comunale ed ai cittadini un serio e completo piano che recuperando il PIT Campi flegrei 2000-6, si propone di rilanciare uno dei più suggestivi angoli della Campania appagando, al contempo, le aspirazioni di tanti giovani del nostro paese.

Altro che gonfiabili …

MUSICA ALTA E FUOCHI D’ARTIFICIO : CONTINUANO LE NOTTE INSONNI …

movida bacoliE’ un mix che si perpetua d’estate in estate, e tormenta i cittadini negando loro il diritto ad un meritato riposo.

Se la movida di Miliscola e Spiaggia Romana inquieta le notti delle Periferie, non scherzano gli artificieri di Casevecchie che da ultimo hanno svegliato l’intero centro storico.

Nel passato non è mancato chi ha affrontato la questione. Dalle ordinanze del sindaco A. Coppola su fuochi ed orari al piano di zonizzazione acustica del sindaco E. Schiano che consentiva musica fino alle tre di notte, tutto l’anno, tutti i week-end e nelle frazioni di Miliscola e Cuma, addirittura tutti i giorni. Una vera e propria discriminazione che fu allora denunciata dal PD ( http://www.bacoli2punto0.it/piano-di-zonizzazione-acustica-disparita-tra-aree-pd-presenta-emendamento-per-superarla/ ) e che ha portato il TAR ad annullare il piano del centro-destra.

fuochi artificioVeniamo però all’attuale Amministrazione. Il neo-sindaco ha emanato il 13 agosto un’ordinanza che vieta lo sparo di fuochi dopo le 23 . Cedendo volentieri al suo spiccato senso teatrale, inoltre, a luglio ha prima fatto una passeggiata per i locali di Miseno facendo abbassare la musica “ prima ancora che con la forza, attraverso il dialogo, ascoltando tutti ” per poi partecipare ad una cena di gala col fior fiore dell’avvocatura e della giustizia napoletane, organizzata in un noto locale della Spiaggia Romana ( http://www.ilmattino.it/NAPOLISMART/PARTY/cuma_kanath_amp_eacute/notizie/1463345.shtml ) con tanto di spettacolo musicale e fuochi d’artificio a mezzanotte ( ops … ) .

Proprio le istituzioni che si dicono più vicine ai cittadini, farebbero bene ad evitare simili passerelle ed approvare una regolamentazione seria e completa dell’inquinamento acustico , garantendo al contempo un controllo continuo e sull’intero territorio.

Perché in realtà la vigilanza notturna costituisce il reale problema. Non sono pochi i cittadini infatti che chiamati i vigili per fare segnalazioni e denunce, hanno avuto come sola risposta la segreteria telefonica che canticchiava “ estas perdiendo el tiempo pensando pensando ”. Insomma , oltre al danno la beffa .

Se si continuano ad emanare ordinanze che poi nessuno fa rispettare, si prendono in giro solo i cittadini con un “ cambiamento ” che si riduce a cartastraccia senza valore.