FRANA TORREGAVETA: OGGI SOPRALLUOGO PD

torregaveta-2Sono settimane che Monte di Procida rischia l’isolamento per la frana di un tratto di via Torregaveta. Come se non bastasse Arco Felice Vecchio continua ad essere chiuso per il cedimento del muro di cinta. Da giorni Bacoli è stretta in una morsa dalla quale si esce solo facendo sinergia fra Comuni limitrofi, tra istituzioni e cittadini. Una sinergia che il PD prova a mettere in campo organizzando un sopralluogo tra Regione, Città metropolitana e Comuni che si terrà il 28 ottobre. Anche il PD Bacoli vi prenderà parte perchè si apra subito un tavolo operativo per affrontare su scala flegrea le emergenze del momento e le problematiche strutturali della mobilità locale. 

torregaveta<< UNA GRANDE SINERGIA ISTITUZIONALE PER SUPERARE LE EMERGENZE: I COMUNI FLEGREI SONO UNA RISORSA PER LA CAMPANIA.

Venerdì 28 Ottobre 2016 dalle ore 15,00 una delegazione del PD composta da rappresentanti in Consiglio regionale, nel Consiglio della Città metropolitana e da dirigenti del PD dei diversi livelli e di Comuni flegrei si recherà a Monte di Procida per confrontarsi con  cittadini, comitati, associazioni, delegati istituzionali.

Il primo appuntamento è programmato presso la via Torregaveta all’altezza dell’interruzione della frana.

Alle ore 16,00 è programmato un incontro presso la sede del Comune per confrontarsi sui temi relativi all’emergenza frane, alla mobilità, al risanamento idrogeologico e ambientale.

Lo scopo della visita è quello di costruire un’agenda di lavoro e di creare le giuste sinergie tra le Istituzioni per far si che si affrontino le emergenze e i Comuni flegrei si affermino  un grande volano per lo sviluppo della nostra Regione.

L’iniziativa è promossa da PDCAMPANIA-PDNAPOLI-CIRCOLI DELL’AREA FLEGREA-GRUPPO REGIONALE-GRUPPO CITTA’ METROPOLITANA >>

FINANZE, PROGETTI, CENTRO STORICO: NUOVO INCONTRO PD IN COMUNE

comune-bacoliSe il PD non rincorre i like su facebook ciò non significa che sia immobile dinanzi le problematiche che i cittadini, con o senza Sindaco, continuano a vivere. Anzi, i democratici, finora, sono stati l’unica forza politica ad avere incontrato più volte i Commissari che reggono Bacoli ( http://www.bacoli2punto0.it/il-pd-incontra-la-commissaria/ ) .

E’ infatti della scorsa settimana l’ultimo appuntamento col Subcommissario. All’ordine del giorno la pianificazione, comunale e sovracomunale, argomento in cui gli ex amministratori hanno mostrato evidenti limiti di visione, di chiuso provincialismo. I punti trattati:

  • Finanze: è in corso, a quanto appreso, una pignola applicazione del “piano pluriennale di riequilibrio”, il piano “lacrime e sangue” siglato dall’ex Amministrazione che insieme ai prepensionamenti – fatti per fare cassa sul personale – per dieci anni aumenterà le tasse e diminuirà i servizi per i cittadini. Coerentemente alla nostra azione consiliare, viste le tante famiglie in difficoltà e gli imprenditori costretti a chiudere, abbiamo chiesto una maggiore flessibilità e soprattutto una seria revisione della spesa e del debito ;
  • POR Cultura: abbiamo fatto presente che l’accordo fatto dall’ex Amministrazione (febbraio 2016) permette anche ad imprese non bacolesi (e non flegree) di accedere ai fondi. Ammessi a finanziamento, inoltre, strutture (alberghi, villaggi turistici, ostelli) non presenti o apribili a Bacoli – dati i vincoli imposti al nostro territorio – mentre risultano escluse proprio le attività di affittacamere, che potrebbero invece essere realizzate anche nel nostro comune. Abbiamo chiesto – il Subcommissario, appuntata la questione, ha garantito una verifica in merito – un ricorso al Ministero ed alla Regione per rivedere i codici delle attività sovvenzionabili comprendendo ad esempio i bed and breakfast o l’albergo diffuso ;
  • Fondi Europei Pesca: nella logica di non perdere i finanziamenti europei del Piano operativo FEAMP 2014-2020, per tutto il mese di settembre, il Comune ha sottoscritto diversi accordi per creare un partenariato pubblico-privato – il verbale è stato sottoscritto da Comuni flegrei, Federcoopesca, Federpesca, Cooperativa Azzurra Pesca, FLAI CGIL, Uniciagroalimentare, FAI-CISL, UILA-PESCA, Assomitili – per la gestione dei fondi (denominato “FLAG Pesca Flegrea” ) con un percorso partecipato e Pozzuoli capofila ;
  • Pianificazione comunale: PUC e PUA sono fermi né si può chiedere ad organi non elettivi di approvarli o modificarli con scelte di natura politica. L’applicazione della delibera consiliare del dicembre 2015 – che revoca le concessioni in ampliamento sui litorali dove non c’è il 20 % di spiaggia libera – tuttavia, sta creando una situazione assurda, quella di una “spiaggia libera a macchia di leopardo” che penalizza gli operatori e contemporaneamente impedisce ai bagnanti il diritto al mare. Diritto invece che non è garantito sul litorale domizio-flegreo dove un intero tratto di spiaggia, benché non dato in concessione, di fatto non è liberamente fruibile ;
  • Centro storico: premesse le differenze emerse nelle ultime assise di luglio 2016, abbiamo esposta la nostra mozione sulla ZTL https://www.facebook.com/partitodemocratico.bacoli/posts/1079429302177505 ) sottolineando come un punto comune alle altre proposte nonché alle richieste dei commercianti, sia la riapertura mattutina di via G. De Rosa. Sul punto, il Subcommissario c’ha informato di star lavorando, insieme alla Commissaria ed alla Polizia municipale, ad un aggiornamento dell’ordinanza che vada proprio in questa direzione. Al tempo stesso, abbiamo evidenziato, come di ZTL ne siano esistite altre due, Marina Grande e Miseno, di cui i cittadini hanno spesso ed inutilmente lamentato i disagi.

PD BacoliRiteniamo, quindi, un dovere della politica quello di continuare a rappresentare i bisogni dei cittadini anche quando non si ricoprono più ruoli istituzionali. E la differenza non potrebbe essere maggiore con chi, autoproclamatosi #sindacodelpopolo , continua ad abbindolare questo stesso popolo con le stesse promesse che in passato hanno fatto presa su molti ma che oggi si sono rivelate solo fuffa.

BACOLI NON VOTA A NOVEMBRE

14543761_10209183575618984_6062993640229529013_oCittadini, avevate già la scheda in mano ed il candidato vamos in testa per votare a novembre? Niente da fare…

Secondo la circolare n. 39 del 2016 ( http://elezioni.interno.it/contenuti/normativa/Circ_039_ServElet_20-09-2016.pdf ) , solo due comuni italiani voteranno a novembre, tutti gli altri (tra cui Bacoli) no. Non c’entrano quei fetenti del PD e neanche il beffardo destino. Il Ministero dell’Interno ha semplicemente applicato la legge per la quale in inverno votano solo i comuni sciolti per infiltrazioni mafiose e Bacoli non è tra questi.

bacoli-non-vota-novembreCittadini, l’ex Sindaco vi ha fatto firmare una petizione farlocca che sapeva essere infondata e non accoglibile. L’ex Sindaco, terrorizzato dall’essere tornato un semplice cittadino, vi ha ingannato pronto a dare la colpa agli immaginari poteri forti e per tenere alta l’attenzione su di sé, ha portato addirittura 8 sindaci a Bacoli ( http://www.bacoli2punto0.it/lettera-agli-otto-sindaci/ ) per raccontarci di un fantomatico golpe consumato nella nostra Città.

Basta con chi sa fare solo chiacchiere, iniziamo a fare i fatti !

LA COMUNITà “ISIDE” NON CHIUDERà

isideLa comunità “Iside” , un’eccellenza nel campo della terapeutica riabilitativa, è a rischio chiusura. Questo significherebbe la perdita di 50 posti di lavoro sull’area flegrea e la “deportazione” di circa 60 pazienti fuori dal proprio territorio vanificando gli sforzi degli operatori ed il principio del rinserimento del paziente nel suo contesto di vita.

Il nostro Circolo ha promosso un incontro con il consigliere regionale PD Raffaele Topo (presidente della Commissione sanità della Campania) cui hanno partecipato diversi lavoratori della comunità. Il presidente della Commissione ha ribadito il suo impegno affianco agli operatori per evitare la chiusura della struttura, per salvaguardare gli utenti e le loro famiglie, e prevedere una clausola sociale a tutela degli attuali posti di lavoro.

raffaele-topo-2
Raffaele Topo, consigliere regionale PD

I democratici bacolesi inoltre hanno investito della questione il Commissario prefettizio chiedendo un suo intervento in sinergia con gli altri Comuni flegrei.