SPIAGGE LIBERE: LIMITIAMOCI ALL’ESSENZIALE

SPIAGGE COME RISORSA, estratto dal programma elettorale di G. Picone

Il recupero di 1.800 mq di spiaggia libera, a seguito della revoca degli ampliamenti delle concessioni, strumentalizzato da chi non si rassegna ad aver perso le elezioni, è divenuto motivo acceso di scontro politico.

Su questo tema allora limitiamoci all’essenziale.

Siamo tutti d’accordo “che il 20 % di spiaggia libera ai cittadini sia un sacrosanto diritto degli stessi” come affermò nel Consiglio comunale del 22/12/2015 il consigliere C. Mancino : allora il PD votò a favore, non ha cambiato posizione ed è in sintonia col programma elettorale della maggioranza che sul punto è chiarissimo (leggi foto affianco) !

Non siamo d’accordo sui modi: questi 1.800 mq sono attualmente sparsi tra i lidi privati a “macchia di leopardo”. Vogliamo stipare i cittadini in quadrati da una o due persone? E questo sarebbe il rispetto per i cittadini, questo sarebbe il diritto al mare? Così dovrebbe comportarsi la sinistra? Secondo noi no perché essere di sinistra non significa rincorrere il populismo di ferragosto ma affrontare il disagio sociale in maniera strutturale .

Non siamo d’accordo sui tempi: dall’oggi al domani, è impossibile e lo sanno tutti. Perché, mentre il Consiglio di Stato si pronuncerà sul ricorso al TAR, il Comune dovrà intanto dotarsi del Piano Utilizzo Arenili per rimodulare le concessioni e fare in modo che questi 1.800 mq siano tutti continui così che ne possano realmente usufruire tutti i cittadini. Il PUA la cui redazione è stata iniziata solo adesso, dal sindaco G. Picone mentre durante l’amministrazione J. Della Ragione, nonostante i ripetuti annunci, non si arrivò neanche a riunire la Commissione “Spiagge e Demanio” sull’argomento.

Questi i termini spiccioli della questione, i termini reali, quelli che interessano concretamente i cittadini. Tutto il resto è politica, la politica di chi le prova tutte per rimanere sulla scena, e sul cui palcoscenico non vogliamo salire perché adesso abbiamo da fare: amministrare Bacoli secondo il mandato che ci hanno dato i cittadini !

APPROVATO IL PIANO PER LA CURA DEL TERRITORIO

La giunta Picone ha approvato, la scorsa settimana e per la prima volta nella storia di Bacoli, un piano per la cura del territorio, facendo in due mesi quello che altri non avevano fatto per anni.

Il piano prevede:

  • un crono-programma quadrimestrale per la de-ostruzione dei tombini, la cura della pubblica illuminazione, la manutenzione di strade, marciapiedi, parcheggi, giardini su tutto il territorio ;
  • l’attuazione, una volta apposta adeguata cartellonistica, al “piano di spazzamento urbano” che programma settimanalmente lo svuotamento dei cestini e la pulizia in tutti i quartieri ;
  • la richiesta all’ASL di una disinfestazione semestrale del territorio ed alla Città metropolitana, di pulire annualmente il canale pluviale di Cuma ;
  • la riapertura dei bagni pubblici a cominciare dalla villa comunale .

Al piano sono allegate diverse note dell’assessore Fabricatore per la pulizia dei caditoie così da diminuire gli allagamenti invernali, per rimuovere rifiuti ed ingombranti, per interventi straordinari di diserbamento e sistemazione di marciapiedi ed aree pubbliche, cominciando da Cuma, Fusaro, Cappella e via Castello .

Un piano preannunciato nel nostro programma elettorale, voluto dal PD e dalle forze politiche della maggioranza, sul quale abbiamo lavorato, partendo anzitutto dalle denunce dei cittadini perché è inutile negare l’evidenza come facevano i sindaci del passato, per i quali Bacoli era il paese di Bengodi. E’ importante invece risolvere le criticità prima che diventino emergenze, pianificando in anticipo gli interventi, puntando a migliorare le condizioni di vita delle persone comprese quelle delle Periferie che non sono cittadini di serie B .

Varato il piano, che sarà pubblicato ed operativo da fine agosto, bisognerà seguirne l’attuazione: in tal senso, un ruolo essenziale lo avranno i cittadini cui daremo, con le prossime modifiche allo Statuto ed ai regolamenti comunali, la possibilità di controllare il territorio e stimolare l’azione amministrativa.

ps: queste foto potranno sorprendere sul blog di un partito di maggioranza ma riteniamo i cittadini meritino rispetto, sempre, e sopratutto la verità !