Archivi categoria: Rifiuti

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DEI RIFIUTI : IN ARRIVO AUMENTI

fl 3Se per te fare il mercato del pesce significa difendere i cittadini da ulteriori tasse, allora io sono orgoglioso di essere un pescivendolo ! ” . Così, testuale, il consigliere C. Mancino ha ripreso la capogruppo di FreeBacoli che s’era improvvisata, proprio lei, moralizzatrice dell’infuocato dibattito divampato all’ultima riunione congiunta delle Commissioni “Ambiente” e “Flegrea Lavoro”, di cui deprecava i toni da “ mercato del pesce ” .

I toni però non potevano essere diversi nel momento in cui i commissari PD, non senza sorpresa, hanno letto l’emendamento al vigente regolamento dei rifiuti solidi urbani, proposto dall’Amministrazione e dalla “Flegrea Lavoro”, la cui dirigenza, nominata dal centro-destra, è stata riconfermata dall’attuale maggioranza freebacolese.

La modifica presentata in Commissione assimila, di fatto, tutti i rifiuti delle utenze commerciali a quelli speciali, e sanziona il diritto per queste utenze a rivolgersi non più alla “Flegrea Lavoro” ma anche ad altre ditte per il loro prelievo. Al di là del linguaggio in cui è stata scritta la proposta, un idioma vagamente riconducibile all’indoeuropeo, il testo non chiarisce i tempi, non precisa modalità d’attuazione, e risulta così approssimato da meritare un chiaro voto contrario. Ma c’è di più …

fl 2Gli utenti che si convenzioneranno con altre ditte di smaltimento dei rifiuti, saranno esenti dal pagare la TARI al Comune di Bacoli. Ora, poiché il costo della differenziata non cambierà di molto, in quanto non muteranno le spese di gestione, come ha onestamente ammesso lo stesso assessore Parisi, indovinate chi dovrà farsi carico della TARI non pagata ? Le utenze familiari, i semplici cittadini, sempre loro, i già tartassati bacolesi che sarà fin troppo facile dissanguare !

E’ stato poi inevitabile discutere anche degli oneri del ciclo dei rifiuti e di come questi debbano essere divisi tra i contribuenti. Attualmente tutti i costi sono spalmati il 70 % sulle utenze familiari, il 30 % su quelle private. Secondo quali inconfutabili criteri, secondo quali statistiche ? Non si sa perché le carte, richieste dai consiglieri democratici, ancora non sono arrivate sul tavolo. Eppure l’attuale Amministrazione, in perfetta continuità con la precedente, ha deciso di accogliere questi numeri, diciamo, “ a fiducia ” …

A questo punto, in Commissione, è andata in onda l’ennesima puntata dello show dalle maggioranze variabili di questa tormentata consiliatura: “ Uomini e Donne ” di FreeBacoli si sono uniti a quelli di Forza Italia in difesa della proposta dell’Amministrazione ed hanno attaccato il PD che è stato l’unico a difendere i diritti delle famiglie e dei lavoratori.

Un triste epilogo insomma per quella che doveva essere la forza del cambiamento e che si ritrova adesso a sconfessare le sue origini e difendere le idee di chi fino a qualche anno fa avversava …

CARTELLE PAZZE: IL VOLTO CRUDELE DELL’AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO COMUNALENon c’è nessuna mannaia e non mi risulta una sola contestazione per un metro quadrato in più ” . Questo il passaggio essenziale della relazione pronunciata nell’ultimo Consiglio comunale, dall’assessore alle finanze in risposta all’interrogazione del PD sulle “cartelle pazze” ( http://www.bacoli2punto0.it/sono-tornate-le-cartelle-pazze-code-agli-sportelli/ ).

Hai voglia di mostrare la determina del dicembre 2015 con la quale la società AeG ha “promesso” al Comune oltre 12 milioni di euro dagli accertamenti TARSU-TARI ed ICI-IMU …

Hai voglia di far notare che adesso per raggiungere questa cifra la stessa AeG picchia e picchierà duro

img880
determina n. 1288 del 30/12/2015

Hai voglia di spiegare che chiedere ai contribuenti le spese di spedizione o le sanzioni (oltre gli arretrati) per qualche metro in più, è una vera ingiustizia

Hai voglia di mostrare che invogliando i cittadini a fare istanze in autotutela, invece di percorrere le altre strade della giustizia tributaria, li si è resi “nudi” cioè privi di fare ricorso qualora la loro domanda fosse respinta …

Per l’Amministrazione è tutto normale, tutto in regola, i cittadini possono dormire tranquilli sotto la mannaia tributaria. Anzi, secondo le stime date ai consiglieri, siamo solo agli inizi, ad appena il 27 % del territorio comunale.

Certo, l’assessore Alessandro Parisi fa bene a dire che tutti devono pagare le tasse (ci mancherebbe altro), e fa benissimo a dire che i cittadini saranno rimborsati in caso di volumetrie sopravalutate (sempre ci mancherebbe altro), e fa meglio ancora quando annuncia una delibera che “sani” alcuni casi controversi come l’annullamento degli accertamenti TARSU per gli stessi utenti e gli stessi immobili già verificati in passato. Delibera che andava fatta molto prima, hanno denunciato i consiglieri democratici, e che attualmente ancora non c’è e non si sa se sarà recepita dall’AeG.

antenne 4Nonostante le lacrime dell’assessore per le sofferenze e gli sforzi del popolo bacolese, come se il popolo potesse fare altrimenti dal pagare, intanto gli accertamenti vanno ed andranno avanti. Anzi, secondo gli amministratori, hanno già portato i loro frutti cioè maggiori flussi contanti nelle casse comunali, tali da poter pagare i dipendenti ed impedire il default del Comune.

A rovinare l’aria di festa, quella preparata dall’Amministrazione ai bacolesi, c’ha pensato il capogruppo PD affermando nella sua replica che “ nessuno di noi vuole che il Comune vada in dissesto però, su questa vicenda, si è rivelato il volto crudele dell’Amministrazione perché i cittadini non vanno trattati come conti correnti da cui prelevare soldi ”.

COMMISSIONE AMBIENTE DEL 24 FEBBRAIO : UNA RIUNIONE SURREALE

commissione ambiente
commissione ambiente, 24 febbraio 2016

La sensazione era surreale, come di un qualcosa estrapolato dal contesto e buttato là giusto per …

Questa è stata l’impressione dell’ultima Commissione “Ambiente” che si tenuta lo scorso mercoledì per esaminare la proposta di FreeBacoli di installare distributori di latte alla spina così da raggiungere l’obiettivo “rifiuti zero” ed abbattere i costi della differenziata ( http://www.bacoli2punto0.it/torna-la-commissione-ambiente-per-discutere-di-latte/ ) .

Surreale perché la Commissione “Ambiente”, un organo fondamentale per un territorio “martoriato” come il nostro, s’è riunita dopo sei mesi di assoluto silenzio

Surreale perché la Commissione “Ambiente” si è tenuta senza la sua presidentessa, più volte sollecitata a convocarla e programmarne i lavori, e da ultimo incaricata di riferire su Cava Lubrano …

fuoco 1
rogo Spiaggia Romana, 23 febbraio 2016

Surreale perché né l’Amministrazione (assente per verità alla riunione) né la maggioranza hanno dato aggiornamenti sul piano di caratterizzazione per il sottosuolo di Cava Lubrano, sulla dolosità dell’incendio dell’8 agosto, sulla presenza di tubi del Comune nel sito, punti s’era deciso il 28 agosto di verificare … ( http://www.bacoli2punto0.it/cava-lubrano-ancora-novita-ancora-domande/ ) .

Surreale perché la maggioranza ha minimizzato che l’opposizione può accedere a tutti gli atti quando invece il problema è che proprio questi, proprio gli atti, mancano

Surreale perché la maggioranza ignorava che il giorno prima ci fosse stato un’incendio sulla Spiaggia Romana, con fumo acre e nero che ha avvolto Cuma, raccomandando di domandare all’assessore Parisi per maggiori informazioni, cosa che abbiamo fatto chiedendo spiegazioni ed una relazione al comando di polizia municipale …

cava 5
incendio Cava Lubrano, 8 agosto 2015

Surreale perché la maggioranza ha insistito sul fatto che questi argomenti, posti dai consiglieri PD, non fossero all’ordine del giorno, cominciando quindi l’esame della propria mozione …

Mozione, sotto diversi aspetti interessante, che la Commissione ha esaminato attentamente e che sarà oggetto di un prossimo approfondito articolo. Intanto, a pensarci bene, delle benefiche virtù del latte ce n’è proprio bisogno … Per avere la forza di resistere e dissipare un’atmosfera che proprio sulle questioni dell’ambiente si fa sempre più stagnante e rarefatta .

TORNA LA COMMISSIONE AMBIENTE PER DISCUTERE DI … LATTE

cava 1A volte ritornano …

Dopo due sole riunioni, la prima d’obbligo per l’insediamento e la seconda il 26 agosto, la VI Commissione consiliare tornerà a riunirsi mercoledì 24 febbraio.

Esattamente, parliamo della famosa “Commissione Ambiente”, a dir poco il fiore all’occhiello di FreeBacoli che quando era opposizione e non senza ragione, ha sempre puntato sull’ecologia ma adesso maggioranza ha condannato la sua “creatura” a sei mesi di cupo silenzio.

cava 4Ordine del giorno della riunione la mozione della maggioranza per “l’istallazione di distributori automatici per il latte alla spina” . Argomento indubbiamente interessante ma le ben’altre problematiche ambientali spettano ancora il taumaturgico tocco del Sindaco perché da sole difficilmente potranno trovare una soluzione e vanno assommandosi nel più generale oblio.

Una per tutte, Cava Lubrano. Sebbene le scorse settimane il Sindaco abbia annunciato su facebook l’inizio della bonifica per l’incendio dell’8 agosto scorso, ancora si aspettano risposte chiare sulla pubblicazione da parte delle Regione del “piano di caratterizzazione” per il sottosuolo e sui riscontri dei carotaggi finora effettuati, ancora si aspettano risposte sulla relazione dei vigili in merito la dolosità dell’incendio, ancora si aspettano risposte sulla presenza di tubi del Comune nella cavahttp://www.bacoli2punto0.it/cava-lubrano-ancora-novita-ancora-domande/ ).

cava 5E si potrebbe continuare su elettromagnetismo – nonostante il silenzio la questione antenne è ancora aperta – e sulle bonifiche dei campi da tennis, dei fondali lacustri, degli impianti di sollevamento, ecc

Dimentichi delle loro origini, Amministrazione e maggioranza sembrano oramai trascurare tali questioni tutti presi invece dai loro hippyselfie e dal carnevale. Ma come si suol dire … passato il santo, passata la festa

BAGNI CHIUSI IN VILLA COMUNALE : GLI IMPEGNI DEL SINDACO

bagni 2Che “ l’interrogazione del PD è utile perché serve a recuperare strutture comunali ” questa volta non siamo noi a dirlo ma lo stesso Sindaco che nel consiglio comunale prenatalizio ha così esordito ai consiglieri democratici .

Rispondendo all’interrogazione PD sui bagni in Villa comunale http://www.bacoli2punto0.it/villa-comunale-bagni-ancora-chiusi/ ) il Sindaco ha anzitutto ripristinato una certa verità storica affermando che “la coperta è corta e non abbiamo abbastanza dipendenti” e quindi “i bagni sono stati chiusi perché i custodi li abbiamo spostati al campo di Baia” sconfessando indirettamente il suo oracolare consigliere-stampa che a “ Il Mattino ” aveva affermato tutt’altro e che cioè “è in atto una semplice ristrutturazione del sito. Solo per alcuni giorni saranno chiusi” giorni che sono durati la bellezza di tre mesi.

bagni 1Nondimeno il capo dell’esecutivo comunale ha illustrato diverse ipotesi per la soluzione del problema, scartando quella di “mettere i dipendenti dell’ufficio pass per aprire e chiudere i bagni in quanto il sabato e la domenica rimanevano scoperti” e di aver preferito che a gennaionel nuovo bando pubblico per dare una parte degli ex spogliatoi” – l’altra infatti è stata concessa alla Proloco Città di Bacoli – “come infopoint turistico prevedremo che chi lo gestirà curi anche i bagni, di aprirli e di chiuderli”. Nell’intervento del Sindaco, anche l’auspicio che da gennaio possa essere attivata la videosorveglianza per evitare atti vandalici e che questo modello di gestione possa applicarsi anche a Baia aprendo i bagni in piazza Alcide De Gasperi evitando così di “essere accusati di bacolicentrismo”. Strappata infine la promessa al Primo cittadino che in attesa del nuovo anno, intanto, le chiavi siano consegnate alla Proloco così da ripristinare quanto prima il servizio .

consiglio comunale paolo di tarsoUn servizio che può sembrare insignificante ma che è chiesto principalmente da anziani e famiglie che adesso attendono l’Amministrazione alla prova dei fatti sebbene ad oggi, a qualche giorno di Capodanno, i bagni restano ancora chiusi.